Scarica il rapporto

Obiettivo primario

Le disposizioni della direttiva del 2001 Infosoc non sono state in grado di tenere il passo con l’aumento degli scambi culturali transfrontalieri facilitati da Internet. L’attuale regime del copyright ostacola lo scambio di conoscenze e di cultura attraverso le frontiere. Le sfide attuali richiedono un aggiornamento delle norme legislative e un’ulteriore armonizzazione.

AMPIO SUPPORTO

Il progetto di relazione è stato sostenuto in pieno dalle associazioni del patrimonio culturale IABD e EBLIDA; gruppi industriali come Copyright4Creativity, EDiMA, CCIA, SFIB, ASIC e BITKOM nonché organizzazioni dei diritti ditali come La Quadrature du Net, Digitale Gesellschaft e OpenForum Europe. Il progetto di relazione è stato accolto con dichiarazioni favoreli dalle organizzazioni degli autori come Initiative Urheberrecht e il Consiglio degli scrittori europei.

Punto per punto

1./2. La consultazione relativa al copyright
3. Rafforzare il diritto d’autore
4. Titolo unico europeo del copyright
5. Le opere pubbliche appartengono a tutti
6. Salvaguardare il dominio pubblico
7. Armonizzare la durata del copyright
8. Interessi bilanciati
9. Stessi diritti per on- & offline
10. L’impatto dello scambio transfrontaliero
11. Le eccezioni devono essere obbligatorie
12. Le nuove tecnologie
13. Aggiungere una norma aperta per il futuro
14. Consentire le citazioni nel settore audiovisivo
15. Permettere il linking
16. Copyright – Spazio pubblico libero
17. Permettere caricature e parodie
18. Consentire l’estrazione di dati (“data mining”)
19. Potenziare ricerca e educazione
20. Permettere l’ E-lending
21. Nessun prelievo sugli usi legali
22. Trasparenza dei prelievi per copie private
23./24. Protezione tecnologica

 

#consultation

1./2. LA CONSULTAZIONE RELATIVA AL COPYRIGHT

La consultazione del copyright ha ricevuto un numero elevato di risposte da parte dei singoli cittadini, pur non avendo un’interfaccia online per fare ciò.

Uno dei tassi di partecipazione più alti mai registrato: La Riforma del copyright è importante per gli elettori, che chiedono una soluzione a livello europeo per i problemi transfrontalieri e l’incertezza giuridica che incontrano nella loro vita quotidiana.

#authors

3. RAFFORZARE IL DIRITTO D’AUTORE

Una delle maggiori sfide per gli autori nel nuovo ambiente di internet è quello di negoziare contratti equi con i titolari dei diritti e gli intermediari. Pensiamo che l’UE debba fare di più per proteggere i diritti d’autore.

La maggior parte degli artisti che cercano di guadagnarsi da vivere grazie alle loro opere artistiche devono negoziare le licenze di copyright con le società per commercializzare le loro opere. Questi scambi contrattuali sono spesso segnati da uno squilibrio di potere tra le parti.

Le aziende possono sfruttare una posizione contrattuale più forte per conservare la maggior parte del profitto risultante, riducendo i benefici per artisti. La politica sul Copyright può aiutare gli autori a proteggersi da tale vulnerabilità. […] Gli Stati dovrebbero proteggere gli artisti dallo sfruttamento nel contesto di concessione di licenze di copyright e di raccolta delle Royalty […] attraverso le protezioni legali che non possono essere escluse dal contratto.

Nazioni Unite Relazione d’autore e il diritto della scienza e della cultura

#singletitle

4. TITOLO UNICO EUROPEO DEL COPYRIGHT

La soluzione più semplice alla frammentazione del diritto d’autore UE è l’introduzione di un unico titolo europeo a riguardo, come il brevetto europeo e il marchio europeo (ma sostituendo titoli nazionali). Questo obiettivo a lungo termine sarebbe vantaggioso per entrambi i titolari dei diritti e gli utenti: mentre il primo avrebbe una base più unificata di protezione, e gli utenti guadagnerebbero maggiore certezza giuridica per i loro uso transfrontaliero.

La stragrande maggioranza degli utenti finali/consumatori ritiene che l’Unione europea dovrebbe perseguire questa idea che potrebbe rafforzare la certezza del diritto e trasparenza per i titolari dei diritti e dei consumatori riducendo i costi di transazione e di licenza relativi alla liquidazione dei diritti […] La stragrande maggioranza degli utenti istituzionali sono anche generalmente a favore [nonché] un numero significativo di autori/artisti.
Consultazione della relazione del copyright nell’UE

#publicworks

5. LE OPERE PUBBLICHE APPARTENGONO A TUTTI

Le immagini della NASA sono esenti da diritti d’autore

La relazione raccomanda: Le opere create da dipendenti del governo, pubblica amministrazione e dai tribunali, come parte del loro dovere d’ufficio dovrebbero essere di dominio pubblico.

Ciò impedirebbe inoltre abusi dei diritti di autore cosi da non ostacolare l’accesso del pubblico.

#publicdomain

6. SALVAGUARDARE IL DOMINIO PUBBLICO

Pur essendo da decenni libera dal diritto d’autore, una società giapponese è stata a lungo proprietaria dei Diritti d’autore delle fotografie relative al soffitto della Cappella Sistina.

Il dominio pubblico è composto da opere il cui diritto di autore è scaduto o ai quali il copyright non è mai stato applicato, ed ancor oggi le versioni digitali di arte di dominio pubblico sono spesso ornate da simboli del copyright – giustificando che la digitalizzazione sovvenzioni nuova protezione del copyright per le opere pubbliche.

Nove Stati membri hanno segnalato ostacoli nell’assicurare che il materiale di pubblico dominio dopo la digitalizzazione rimanga nel dominio pubblico […] Lo status legale per alcune riproduzioni in formato digitale, di opere per il dominio pubblico, manca di chiarezza e richiede ulteriore attenzione.
Relazione della EC Patrimonio culturale: digitalizzazione, l’accessibilità on line e la conservazione digitale 2011-2013

La relazione raccomanda: Chiarire che la digitalizzazione non concede nuove protezioni del copyright per le opere che erano in precedenza già protette dal diritto di autore.

Inoltre, è spesso difficile per gli artisti rilasciare volontariamente l’opera nel pubblico dominio o sotto una licenza libera a causa dei restrittivi contratti di pubblicazione.

La relazione raccomanda: l’autonomia degli artisti per rilasciare le loro opere nel modo che preferiscono, tra cui quella del pubblico dominio.

#terms

7. ARMONIZZARE LA DURATA DEL COPYRIGHT

Per determinare se un lavoro è protetto da copyright, si devono ricercare alcune informazioni molto particolari, tra le quali: se l’autore di un opera è morto per la Francia nella guerra (in cui si applicano caso più termini di protezione).

Diagrammi complessi sono necessari per determinare se un’opera non è coperta dal diritto d’autore

Durate divergenti di protezione possono essere relative allo stesso prodotto a seconda della giurisdizione nazionale… Il risultato è un quadro legislativo che rende i diritti transfrontalieri di difficile utilizzo, ostacolando gli utenti finali e le organizzazioni culturali.
The Myth of European Term Harmonisation: 27 Public Domains for the 27 Member States

La stragrande maggioranza delle opere sono commercialmente sfruttabili per un tempo più breve rispetto al tempo relativo alla durata della loro protezione del copyright. Come risultato, molte opere non sono disponibili, provocando un “buco del 20° secolo” nel mercato e negli archivi. Per la maggior parte delle opere, una protezione a lungo del copyright non assicura una maggiore remunerazione dell’autore – ma ne diminuisce la disponibilità della sua opera sul mercato.

La relazione raccomanda: Armonizzare i tempi di protezione per lo standard internazionale di vita + 50 anni.

#balance

8. INTERESSI BILANCIATI

La direttiva Infosoc mirava a raggiungere un equilibrio tra tutte le parti interessate, tra cui gli autori e gli interpreti, altri titolari dei diritti, gli utenti delle opere protette da copyright e il pubblico in generale. Le eccezioni e le limitazioni sono un elemento importante per fornire questo equilibrio. Il loro esame alla luce dell’evoluzione tecnologica e dei progressi sociali è l’obiettivo principale dei prossimi paragrafi della relazione.

#equal

9. STESSI DIRITTI PER ON & OFF LINE

Poiché l’ambiente di utilizzo analogico viene gradualmente sostituito da uno digitale, è necessario garantire che l’obiettivo continui ad esserci per le eccezioni e limitazioni anche se le pratiche di utilizzo sono cambiate. In caso contrario, i diritti concessi al pubblico sono gradualmente erosi nel tempo.

Esempio: Se l’eccezione relativa all’educazione permette all’insegnante di fornire ad ogni studente una copia fisica di un testo particolare per la lettura in classe, essi dovrebbero anche essere in grado di fornire l’accesso agli studenti dello stesso testo in un formato digitale attraverso una intranet della scuola.

#crossborder

10. L’IMPATTO DELLO SCAMBIO TRANSFRONTALIERO

youtubeno

Siccome l’uso transfrontaliero sta crescendo, l’impatto delle differenze relative alle eccezioni e limitazioni del copyright è negativo per il completamento del mercato unico digitale.

ESEMPIO:

I documentaristi richiedono la libertà di usare specifiche immagini, clip video o musica necessari per raccontare una storia particolare. A seconda delle eccezioni e limitazioni di un paese, quelle pratiche artistiche possono essere chiaramente definite come ammissibili o può esserci una zona grigia legale che rende difficile per i creatori di commercializzare e distribuire le loro opere.
Nazioni Unite Relazione d’autore e il diritto di scienza e la cultura

#mandatory

11. LE ECCEZIONI DEVONO ESSERE OBBLIGATORIE

Le eccezioni e le limitazioni descritte nella direttiva Infosoc sono state testate nei singoli Stati membri e hanno dimostrato di non essere dannose per gli interessi materiali degli autori. Eppure la loro implementazione è attualmente facoltativa. Solo quando le stesse eccezioni saranno applicabili in ogni paese dell’UE il pubblico potrà beneficiarne nei contesti transfrontalieri.

Gli utenti finali/consumatori ritengono che la natura facoltativa dell’elenco delle eccezioni crea incertezza giuridica e un irregolare campo di gioco per i partecipanti al mercato. … Gli utenti istituzionali generalmente sostengono l’armonizzazione del copyright che implica eccezioni obbligatorie … Molti intervistati [distributori/fornitori di servizi intermediari] sostengono una maggiore armonizzazione e la certezza del diritto nel settore di eccezioni. … I rappresentanti del mondo accademico, della società civile o gruppi di riflessione in generale ritengono che il carattere facoltativo della eccezioni è problematica e che le eccezioni dovrebbero essere ulteriormente armonizzate.
Rapporto di consultazione diritto d’autore UE

La relazione raccomanda: Le eccezioni relative al copyright devono essere obbligatorie negli Stati membri.

#transformative

12. LE NUOVE TECNOLOGIE

Il telefono nelle nostre tasche è un computer in grado di produrre materiale multimediale, dotato di una fotocamera migliore, rispetto a quelle che gli artisti professionisti hanno avuto quando la direttiva Infosoc fu redatta. Insieme ad Internet come un mezzo per la pubblicazione globale a costo zero, questo fenomeno ha portato ad una vasta rivoluzione creativa, consentendo una ricchezza di pratiche emergenti in cui nuovi lavori sono creati trasformando quelli esistenti.

Migliaia di persone hanno registrato se stessi mentre ballavano sulle note di Pharrell Williams Happy – anche al Parlamento UE

Esempio: Tali pratiche, spesso esercitate senza obiettivi commerciali includono: remix audiovisivi (come le canzoni create da decine di videoclips trovati), lip dubs (rievocazioni creative di una canzone), supercuts (assemblaggio di scene di film simili tra di loro), mods (modifiche e conversioni di giochi per computer, ad esempio per cambiare il personaggio aggiungere nuovi ambienti), remake di/omaggi a out-of-commerce classici, Machinima (filmati registrati con gioco ambienti come “studio”), Let’s Plays (video in diretta di sessioni di videogiochi), e molti altri.

Nonostante non interferiscono con lo sfruttamento commerciale delle opere, queste opere sono circondate da un’incertezza legale. La normativa del copyright non dovrebbe ostacolare quest’ ondata senza precedenti di emergenti espressioni creative e dovrebbe riconoscere nuovi creatori come attori culturali validi.

#opennorm

13. AGGIUNGERE UNA NORMA APERTA PER IL FUTURO

Gli Stati hanno l’obbligo di fornire un robusto sistema flessibile di eccezioni e limitazioni relative al copyright per onorare i loro obblighi riguardo i diritti umani. Il “test 3-step” […] deve essere interpretata per favorire la costituzione di tale sistema di eccezioni e limitazioni.
Nazioni Unite Relazione d’autore e il diritto di scienza e la cultura

La riforma delle norme sul diritto d’autore ha richiesto molto tempo. Quattordici anni sono passati dall’introduzione della direttiva Infosoc. La direttiva si riferisce ad una tecnologia ormai obsoleta, come CD-ROM. E’ lecito ritenere che lo sviluppo tecnologico continuerà ad essere più veloce del sistema giuridico.

Una norma aperta darebbe ai tribunali la possibilità di consentire ai futuri usi di superare lo standard 3-step-test internazionale:

  1. Un utilizzo particolare di un’opera…
  2. …che non sia in contrasto con il suo sfruttamento normale…
  3. …e non irragionevolmente pregiudica i legittimi interessi dell’autore

Questa norma aperta differisce significativamente dal “fair use” degli Stati Uniti, perché si applica in aggiunta a un elenco specifico di eccezioni e limitazioni e non le sostituisce. Si tratta di un meccanismo di ripiego per dare alle eccezioni e alle limitazioni la flessibilità necessaria per il futuro.

La stragrande maggioranza degli utenti istituzionali è favorevole all’aumento della flessibilità relativa alle eccezioni nel diritto d’autore UE, e crede che sia nell’ introduzione di [una] norma aperta, oltre all’elenco delle limitazioni specifiche. … Molti consumatori suggeriscono di aggiungere una norma aperta per l’attuale elenco di eccezioni per consentire usi che non potevano essere previsti al momento dell’adozione della legislazione. … Alcuni [Stati Uniti] ritengono che alcune delle eccezioni esistenti non sono tecnologicamente neutrali quindi una proroga per ” ‘usi simili’ ” o un altro tipo di norma aperta potrebbe essere considerata. … Una piccola parte di autori e organizzazioni di gestione collettiva sostengono che fare la lista di eccezioni aperta potrebbe aiutare il diritto dell’Unione tenendo il passo con il cambiamento tecnologico. … Altri [accademici] sostengono che l’aggiunta di una norma aperta all’elenco esistente di eccezioni sarebbe il mezzo migliore per garantire che la legislazione sul copyright sia a prova di futuro.
Rapporto di consultazione diritto d’autore UE

#audiovisual

14. CONSENTIRE LE CITAZIONI NEL SETTORE AUDIOVISIVO

Mentre quasi tutti i paesi hanno un’eccezione copyright, l’interpretazione di ciò che si qualifica come una citazione è diversa tra gli Stati membri. Questo provoca problemi per i testi, i materiale audio e visivo che sono sempre più usati in modo intercambiabile a causa della convergenza dei media.

La relazione raccomanda: Chiarire che le eccezioni, come quella per le citazioni si applicano a tutte le forme di espressione culturale in modo tecnologicamente neutrale.

#links

15. PERMETTERE IL LINKING

La possibilità di collegare da una risorsa all’altra è la base di ciò che consente Internet. Un utente che “linka” a un sito non ha alcun controllo sul contenuto all’altra estremità. Un link quindi non può richiedere l’autorizzazione al titolare del diritto o implicarne la responsabilità. Mettere una tale “etichetta” sul collegamento sarebbe interferire indebitamente con le persone che usano Internet nel modo più semplice.

La stragrande maggioranza degli utenti finali / consumatori […] la stragrande maggioranza degli utenti istituzionali […] la maggior parte dei fornitori di servizi di […] ritengono che collegamenti ipertestuali legati ad un’opera o altro materiale protetto non dovrebbero essere soggetti ad autorizzazione da parte del titolare del diritto.
Rapporto di consultazione diritto d’autore UE

La relazione raccomanda: Chiarire che il riferimento alle opere per mezzo di un collegamento ipertestuale non è oggetto a diritti esclusivi.

#panorama

16. COPYRIGHT – SPAZIO PUBBLICO LIBERO

Condividere una foto dell’edificio del Parlamento senza il permesso dell’architetto potrebbe essere illegale

Libertà di Panorama significa che chiunque può fotografare edifici pubblici e distribuirli senza il permesso dell’ architetto – ma non è o è solo parzialmente implementato in molti degli stati membri.

Esempio: Mentre è legale per scattare una foto della Torre Eiffel durante il giorno (perché il relativo copyright è scaduto) non è il caso però di notte, perché c’è una protezione del copyright relativa al gioco di luci della torre.

A causa della territorialità del diritto d’autore, un’immagine legalmente fatta in un paese, utilizzando la libertà di panorama, può diventare illegale se distribuita in un altro Stato. Per le persone che condividono le loro foto delle vacanze dopo un viaggio in un altro Stato membro, questo è incomprensibile.

#parody

17. PERMETTERE CARICATURE E PARODIE

L’eccezione per le caricature e le parodie è essenziale per la libertà di espressione e dovrebbe essere resa obbligatoria. Permettere le imitazioni di un’opera già esistente dà la possibilità di una serie di attività di remix che sono emerse grazie alle nuove tecnologie. Garantisce un migliore equilibrio tra i diritti d’autore ovvero di sfruttare commercialmente le loro opere e la loro libertà artistica di costruire sulle opere altrui.

grillhill3

In una recente sentenza, la Corte di giustizia europea, ha dato importanti chiarimenti sulla definizione di parodia. Tuttavia, è ancora problematico pesare l’interesse dei comici contro quella del titolare del diritto di autore a non essere associati ad un messaggio discriminatorio. E’ così sostenuto che un diritto morale può essere trasmesso da parte dell’autore ad un’altra persona – anche una persona giuridica, quando dovrebbe essere un aspetto di diritti morali inalienabili dell’autore, non del diritto d’autore che può essere venduto. Altrimenti il pericolo che tale diritto venga utilizzato per sopprimere una parodia per motivi economici o di altro è troppo alta.

La relazione raccomanda: L’eccezione relativa alla caricatura e alla parodia dovrebbe applicarsi a prescindere dal derivato scopo di lavoro. Non dovrebbe essere vincolato da un titolare del diritto di copyright, ma solo dal diritto morale dell’autore.

#tdm

18. CONSENTIRE L’ESTRAZIONE DI DATI (“DATA MINING”)

L’estrazione di dati (TDM) o “content mining” si riferiscono ad una varietà di procedure di analisi per ricavare informazioni aggiuntive e conoscenza di un grande insieme di pubblicazioni.

Esempio: Uno scienziato può usare un computer per analizzare automaticamente un gran numero di documenti di ricerca per scoprire un’associazione finora sconosciuta tra due malattie.

Alcuni titolari dei diritti insistono sul fatto che ciò richiede due licenze separate, uno per la lettura dei lavori e un’altra per TDM.

Dovrebbe essere considerata un’eccezione specifica e obbligatoria per rimuovere il testo e “data mining“ per scopi scientifici dalla disciplina europea del diritto d’autore.
Raccomandazione del gruppo di esperti TDM della EC

La relazione raccomanda: Chiarire che legittimare l’accesso ai dati comprende anche il diritto di estrarre attraverso analisi tecniche automatizzate.

#education

19. POTENZIARE RICERCA E EDUCAZIONE

I dettagli di ciò che è consentito in fase di ricerca nazionale e le eccezioni relative all’istruzione variano notevolmente tra Stati membri dell’UE:

Molto spesso l’eccezione non copre l’uso dei formati digitali, introducendo oneri inutili per gli insegnanti, i professori e studenti.

Esempio: E’ proibito mettere testi a disposizione studenti in formato digitale (per esempio attraverso una intranet scolastico), gli insegnanti spesso trascorrono una notevole quantità di tempo per fare copie fisiche di opere, che le eccezioni consentono.

Queste restrizioni rendono anche difficile per le università europee di offrire corsi online gratuiti, un’opportunità di formazione che ha guadagnato una grande popolarità per le università al di fuori dell’Europa.

Di solito non c’è alcuna disposizione per l’educazione non formale, come sessioni di studio organizzate da parte di organizzazioni giovanili, etc.

La relazione raccomanda: L’eccezione di ricerca e formazione ha bisogno di una definizione comune per consentire la collaborazione attraverso le frontiere e dovrebbe comprendere l’educazione non formale.

#elending

20. PERMETTERE l’ E-lending

Le biblioteche pagano le tasse di remunerazione per società di gestione collettiva al fine di prestare i libri che hanno acquisito. La direttiva “Rental and Landing” non riguarda gli e-book, rendendo le biblioteche dipendenti dai servizi di e-prestiti offerti dagli editori, che (se disponibili) sono spesso limitati e possono richiedere la sottoscrizione per il loro intero catalogo invece di consentire l’acquisto di opere singole.

La relazione raccomanda: Un’eccezione per i libri di prestito in formati digitali.

#licenses

21. NESSUN PRELIEVO SUGLI USI LEGALI

Esempio: La nuova legge sul copyright della Spagna richiede il pagamento di un canone per l’aggregazione di articoli e altre opere protette da copyright che sono liberamente disponibili online (compresi quelli rilasciati sotto licenze libere). Questa nuova remunerazione inalienabile ha di fatto reso impossibile la gestione di servizi di aggregazione di notizie come Google News e ha effetti devastanti sui diritti di libertà di espressione e la libertà di informazione, in quanto riguarda tutti i tipi di attività che si basano sulla libera condivisione volontaria di informazioni attraverso licenze aperte.

La relazione raccomanda: Che ci sia o meno una remunerazione collegata a un’eccezione o una limitazione questo criterio deve essere deciso a livello europeo.

Ciò non esclude la possibilità di remunerazione per i requisiti di eccezioni e limitazioni a livello di UE, come è il caso dell’eccezione relativa alla copia privata.

#privatecopying

22. TRASPERENZA DEI PRELIEVI PER COPIE PRIVATE

Le divergenti vie nazionali relative ai prelievi relativi alla copia privata e alle riproduzioni sono state una fonte di attrito con i principi del mercato interno della libera circolazione di beni e servizi per un lungo periodo.
Raccomandazioni risultanti dalla mediazione [CE] relativa copia privata ed i prelievi sul repography [Vitorino 2013]

Gli Stati membri hanno attuato in maniera molto diversa i prelievi relativi alla copia privata sui beni di consumo e dispositivi come DVD vergini o stampanti. Queste differenze rendono difficile gli scambi di questi prodotti nel mercato unico, a volte i produttori devono pagare i prelievi due volte per lo stesso prodotto. Una riforma dovrebbe trovare una definizione più armonizzata della remunerazione e la trasparenza su ciò che accade con i soldi raccolti attraverso i prelievi.

La relazione raccomanda: Una comprensione giuridica comune per il danno causato ai titolari dei diritti per la copia privata, e una maggiore trasparenza sulla distribuzione dei prelievi.

#drm

23./24. PROTEZIONE TECNOLOGICA

Molte opere digitali sono vendute con protezioni tecnologiche che vietano in modo efficace alle persone l’utilizzo delle eccezioni previste dalla legge sul diritto d’autore.

Esempio: Le persone sono regolarmente ostacolate tecnologicamente da fare copie di backup dei loro acquisti di DVD anche se l’eccezione relativa alla copia privata consente, e ciò nonostante l’aver pagato un tassa sul DVD vergine per poterlo fare.

Alcune protezioni tecnologiche di monitoraggio sul computer sono installate ad insaputa dell’utente. Questo può essere un rischio per la sicurezza, in quanto questo software può essere utilizzato per spiare le attività di un utente sul computer. Per garantire che le misure tecnologiche di protezione non rappresentino un rischio, gli utenti (e gli esperti) dovrebbero essere in grado conoscere il codice sorgente del loro PC e garantire che la tecnologia per proteggerli faccia esattamente ciò che pretende di fare e non introdurre buchi di sicurezza nel computer di un utente.

La pubblicazione del codice sorgente dovrebbe anche sostenere l’interoperabilità dei dispositivi e formati di dati diversi, questo è importante per evitare lo sviluppo di monopoli in cui gli utenti continuino ad acquistare i prodotti della stessa azienda in modo da non di perdere l’accesso alla propria libreria di opere che hanno già acquistato.

La relazione raccomanda: La protezione tecnologica non deve ostacolare l’uso legale. Le eventuali misure di protezione devono essere open source.

Per quanto possibile ai sensi di Legge, il creatore ha rinunciato al Copyright ed ai diritti correlati connessi a questo lavoro.

What do you think?